Fa Lento

Giacomo Puccini, il destino di un genio

Un "falento" così veniva definito dal padre Giacomo Puccini, giovane rampollo di quattro generazioni di musicisti di cappella. Un fannullone senza talento, che non amava la strada che per tradizione familiare gli veniva apparecchiata. Non che non amasse la musica in sé, ma preferiva alle novene e ai canti liturgici la compagnia dei tipi da osteria, il vino, le carte, le signorine facili. Giacomo coltivava dentro di sé due forze che tiravano in direzione opposta. Da una parte il destino di musicista, dall’altra, la sua voglia di fuggire. "I figli dei gatti" recita un proverbio lucchese "prima o poi finiscono per acchiappare i topi" Per Giacomo essere un gatto volle dire abbastanza presto successo, denaro, belle macchine… e tante cantanti, da corteggiare ed insidiare, per poi voltarsi dall’altra parte e dimenticarsene, per poi scrivere una partitura della prossima opera che giustificasse un’altra donna, un’altra cantante, un’altra conquista… Fa Lento è quindi un viaggio attraverso la vicenda umana e sentimentale di Puccini, ed il pretesto per cogliere come si collocano, in tutto quel tourbillon di donne e di macchine di grossa cilindrata, e di successi internazionali, e di grandi temi, le opere immortali che tutto il mondo ci invidia.

Scheda riassuntiva

Durata dello spettacolo
55 minuti

Consulenza Letteraria
Paolo Logli

Voce Narrante
Luca Violini

Voce Cantante
Rosa Sorice

Pianoforte
Davide Caprari

Regia
Luca Violini

Download materiali
Manifesto spettacolo
Scheda spettacolo
Distribuzione
ClassManagement Italia srl
Federica Maurizi
320.5623974
f.maurizi@classmanagement.it

Fa Lento
Fa Lento
Fa Lento
Fa Lento